Colombia




Monterìa Festa di Cristo Re 2002
Carissimi,
stiamo già vivendo la festa di Cristo Re, una festa che mi invita a valutare come durante quest’anno il Signore ha regnato nella mia vita e nella vita delle persone a cui voglio bene e che la fede in Gesù mi ha portato a condividere con loro la mia vita. Alcuni avvenimenti, l’uno dopo l’altro, han cambiato improvvisamente il come vivere la buona notizia di salvezza. Hanno avuto particolare rilievo i primi due mesi dell’anno dove le esigenze comunitarie han fatto sì che rimanessi qui sola. Successivamente il mio improvviso rientro in Italia per condividere la prova ed il dolore a cui fu sottoposta la mia famiglia a causa dell’incidente delle mie nipoti e rispettivi mariti. Al mio ritorno qui a Monterìa la sorpresa che iniziava a formarsi un nuovolettera_XVI_colombia.jpg - 21748 Bytes barrio sul territorio della parrocchia con l’arrivo di 2.200 famiglie. In comunità sono state inviate due nuove suore: Sr. Maria Grazia statunitense e Sr Vicky peruana. Ora siamo in quattro di tre nazionalità. Altro aspetto è che la situazione del Paese è grave aumentando il numero dei poveri e degli affamati. Pensando al nuovo barrio, “Villa del Cielo” è il suo nome, dove la maggior parte del terreno è paludoso, i poveri arrivano con pali, cartoni e sacchi di plastica per costruire le loro case, mi chiedo: perché queste persone, Ana con otto bambini, Yolanda con seri, Carlos con cinque rimasto vedovo a causa della guerra, che sono poverissime ed una buona porzione di esse è vittima della violenza recente e non, devono continuare a vivere una situazione tanto difficile e inumana? Tocco pure con mano che con tutta la buona volontà che posso avere, insieme a quella della mia comunità parrocchiale, è impossibile alleviare tanta durezza. E’ ancora la fede che mi aiuta a camminare per ascoltare i drammi e le speranze di questo popolo.
Il Signore ha regnato pure sull’iniziativa della mensa dei bambini, cinquantasei pranzano ogni giorno e li vedo contenti e allegri, sono la gioia e l’orgoglio della comunità parrocchiale. L’iniziativa delle borse di studio ha dato ottimi risultati. Novantadue bambini/e, ragazzi/e han frequentato la scuola. Circa 150 famiglie hanno ricevuto ogni mese un buon contributo alimentare. Il barrio Rancho del Ireat dove costruimmo la chiesette lo scorso anno, con alcune attività, ha racimolato un poco di denaro per comperare la campana e per il 14 dicembre, anniversario della inaugurazione, squillerà a festa invitando la comunità a partecipare alla celebrazione di 35 battesimi e di 32 prime comunioni. Grazie per l’affetto che mi avete dimostrato nei momenti più difficili e delicati, è stato un altro segno dell’amore di Dio.
Desidero augurarvi Buon Natale e un anno 2003 ricco di benedizioni divine per le vostre famiglie, per il vostro impegno ecclesiale,

Sr. Marisa Besacchi
Hermanas Maristas – Apartado Aereo 1418
Monterìa – Cordoba
COLOMBIA



<---HOME