LETTERE DAL MONDO

 

Cina

 

Pasqua del Signore 2004

Carissimi amici,
eccomi qui con un caro augurio di Buona Pasqua dalla lontana Cina. La nostra fede ci rende coscienti, come dicevano i primi cristiani, che "Siamo diventati partecipi di Cristo a condizione di mantenere salda fino alla fine la fiducia che abbiamo avuto da principio" (Eb 3,14). "Partecipi di Cristo" significa considerare la vita in modo nuovo, convinti che, non importa se siamo italiani o cinesi, sani o con disabilità perfino mentale, ma quello che conta davvero, è che "L'uomo vale più per quello che è che per quello che ha" (GS 35-36) e noi siamo viventi, sia ora sia in futuro, perché destinati alla risurrezione e "Dio nostro Salvatore vuole che tutti gli uomini siano salvati" (Tim 2,4). Io sono qui in Cina proprio per testimoniare e annunciare questo messaggio di speranza e di salvezza.
Qualche volta, qui all'Huiling, guardando in volto le persone che portano una disabilità mentale e fisica, mi viene spontaneo dire: Portate pazienza con me che non vi so rispettare, servire e amare a sufficienza! Infatti, un giorno, proprio voi che siete i veri piccoli e poveri di cui tanto parla il vangelo, siederete vicino a gesù. Allora le parole: avevo fame, avevo sete, non potevo parlare, difendermi, sostenermi, e tu mihai voluto bene di un amore che è diventato scelta di vita, azione e testimonianza fino a patire insieme… queste parole alla fine annunceranno un invito alla gioia eterna, un canto di alleluia di resurrezione!

Le lotte per i diritti dei più piccoli, ammalati e poveri
E già da nove anni che lavoro nella Cina interna e sento la fatica di tante provocazioni della fatica quotidiana e di tante lotte per i diritti dei più piccoli, ammalati e poveri. Non vi nascondo però che anche i buoni risultati sono tanti. L'organizzazione dove lavoro sta già servendo centinaia di disabili in diverse città della Cina. Moltissime sono le persone che collaborano e in tanti modi, pregando forte, donando il proprio tempo e risorse anche come volontari. Il più bel dono che abbiamo ricevuto all'Huiling è stato l'arrivo di un nuovo missionario, p. Mario Marazzi; ora lui opera in una casa famiglia a pooche decine di chilometri da me. Il suo aiuto spirituale, il suo coraggio (ha già 76 anni) e la sua saggezza illumina tutti noi, incoraggiandociu a operare meglio e con tanto amore soprattutto verso i più deboli. Se riusciamo ad avere questa forza fino all'anzianità, è perché il Signore, con la sua storia di salvezza, passione e risurrezione, ci ha marchiato nel cuore che "Forte è il suo amore per noi e la sua fedeltà dura in eterno" (Sal 116). Sia questo anche l'augurio pasquale più furioso e incoraggiante che la >Pasqua del signore, oggi e sempre, infonde nei nostri cuori.
Fraternamente,


p. Fernando Cagnin
PIME HOUSE, LOT 333
N. 843, CLEAR WATER BAY ROAD
NEW TERRITORIES - HONG KONG